focus

Cittadella-Monza, la legge del contrappasso: la corazzata punita dal giocatore meno pagano in B

Cittadella-Monza, la legge del contrappasso: la corazzata punita dal giocatore meno pagano in B

La favola del Cittadella, che ancora non ha conquistato nulla perché c'è ancora un ritorno da giocare, ma che intanto ieri ha schiantato il 'ricco' Monza, viene raccontato anche oggi da Padova Sport, che chiama in...

Domenico Fabbricini

La favola del Cittadella, che ancora non ha conquistato nulla perché c'è ancora un ritorno da giocare, ma che intanto ieri ha schiantato il 'ricco' Monza, viene raccontato anche oggi da Padova Sport, che chiama in causa la legge del contrappasso di Dante. "Nel calcio non bastano le addizioni per fare una grande squadra (giocatore forte + giocatore forte + giocatore forte non sempre fa squadra forte), ma spesso le idee e i progetti hanno la meglio. E ieri, come un contrappasso dantesco, il Monza, costruito per vincere subito, grazie ai milioni spesi a profusioni dalla ricca proprietà, è stato cappottato dalla squadra con il monte ingaggi più basso della categoria, trascinata dal giocatore che in quella squadra ha l’ingaggio più basso, Enrico Baldini".

"Il Cittadella ha un monte ingaggi di 3.245.027,91 euro (dati pubblici in Figc), il Monza circa 19 milioni (ma senza contare gli acquisti di gennaio). Il già citato Enrico Baldini (acquistato a gennaio scorso dal Fano in serie C) ha un ingaggio di circa 40 mila euro (netti), mentre Boateng del Monza arriva a un milione di euro (per Balotelli invece “solo” 500 mila euro più bonus consistenti per la serie A)".