primo piano

Frattesi: “Arrivare a 8 reti sarebbe una grande gioia, mi ispiro a Marchisio e Barella. Balotelli fortissimo”

Davide Frattesi, centrocampista del Monza, è intervenuto ieri in diretta su Binario Sport, queste le sue parole. "Il secondo posto è un buon posizionamento, al giro di boa non si possono tirare ancora conclusioni, dovremo...

Redazione Tuttomonza

Davide Frattesi, centrocampista del Monza, è intervenuto ieri in diretta su Binario Sport, queste le sue parole. "Il secondo posto è un buon posizionamento, al giro di boa non si possono tirare ancora conclusioni, dovremo continuare su questo ritmo e come ha detto mister Brocchi rifare 34 punti al girone di ritorno non basterà, dovremo andare ancora più forte. Sul corner non dovevo neanche andare a saltare, contro il Cosenza avevo sbagliato schema e scherzando ho detto al mister 'così impari a togliermi dagli schermi'. Ci ho provato e grazie anche alla complicità del portiere ho segnato un gol fondamentale sbloccando una partita difficile. In caso di A? Rimarrei molto volentieri e l'ho già detto sia al direttore che a Galliani. Ho iniziato un percorso nuovo, sto imparando cose nuove e sarebbe importante proseguire. Una chiamata di Mancini? (sorride, ndr) Sarebbe un sogno, l'importante ora è continuare a far bene col Monza e poi vediamo, resta un sogno, restiamo coi piedi per terra.

La famiglia? Fondamentale quando sei più piccolo, i sacrifici dei genitori di portarti avanti e indietro, a Trigoria era 1 ora di strada, un genitore fa solo con passione e quello ti aiuta, da grande ci sta vivere lontano dalla famiglia. Senza di loro non sarei qui, gliene sarei sempre grato. Sono stato 7 anni alla Lazio, poi per una divergenza di vedute con il direttore del settore giovanile mi sono svincolato e sono andato alla Roma, dove ho avuto consigli di amici e mi sono trovato benissimo. E poi tifo Roma.

Io come Barella? Un po' mi ci rivedo come caratteristiche, ora è il centrocampista italiano più forte, ha ritmo, tecnica, qualità, corsa, un centrocampista completo. Lavoro per diventare un giorno come lui. Marchisio e De Rossi sono i miei idoli, sono persone splendide. La scommessa con Brocchi? Dopo il gol di Pisa gli promisi di arrivare a 8 reti, non abbiamo ancora stabilito bene la ricompensa intanto sarebbe una bella gioia personale. Balotelli quando è arrivato non lo conoscevo, difficilmente mi baso su quello che leggo perché a volte i giornali esagerano. Ho visto un ragazzo serio, motivato, tutto il contrario di quello che si dice. Siamo contenti di averlo con noi perché quando calcia è fantastico, non ho mai visto un attaccante così, ci darà una grossa mano. Ma ho un debole per Boateng, sicuramente Balotelli è uno dei più forti con cui ho giocato, senza dimenticare quando mi sono allenato con la Roma e i suoi campioni".