esclusive

ESCLUSIVA – Scozzarella: “Abbiamo perso qualche certezza ma possiamo ancora dire la nostra in ottica promozione”

Matteo Scozzarella è tra i tanti calciatori dal passato importante che hanno deciso di scendere di categoria abbracciando il progetto Monza. A gennaio ha lasciato Parma per unirsi alla truppa di Brocchi: lo abbiamo intervistato in esclusiva...

Domenico Fabbricini

Matteo Scozzarella è tra i tanti calciatori dal passato importante che hanno deciso di scendere di categoria abbracciando il progetto Monza. A gennaio ha lasciato Parma per unirsi alla truppa di Brocchi: lo abbiamo intervistato in esclusiva per sapere come valuta questo finale di stagione, non facilissimo per i colori biancorossi.

Come ti trovi qui al Monza?“Devo dire che mi trovo molto bene sia in questo gruppo e in questa società, che in città, anche la mia famiglia è contenta, si vive bene qui”.

Come ti spieghi la recente involuzione di risultati?“Abbiamo perso qualche certezza ed è subentrata forse un po’ di stanchezza che si è fatta sentire in alcune gare ravvicinate. Credo che sia normale nell'arco di un campionato lungo e imprevedibile come la Serie B, ma sono sicuro che ci riprenderemo”.

Credete ancora alla promozione diretta o vi state mentalmente preparando ormai per i playoff?“L’obiettivo primario resta il secondo posto, e noi ora pensiamo a inseguire quello. Poi sappiamo che eventualmente ci sarebbe un’altra opportunità tramite i playoff per andare in serie A. Ora però pensiamo solo a vincere le prossime partite sperando che sia sufficiente per chiudere secondi”.

Si può dire che i prossimi due scontri diretti, Salernitana e Lecce, determineranno la seconda del girone?“Le prossime due partite sono molto importanti e potrebbero essere decisive non solo per il secondo posto. Sappiamo di giocarci tanto, così come le altre squadre che lottano per il nostro stesso obiettivo”.

Tatticamente il ruolo in cui ti impiega Brocchi ti è congeniale o preferiresti giocare in un altro ruolo?“Beh sì, è il ruolo nel quale ho sempre giocato, quello che ricopro ormai da tanto tempo. Quindi direi che mi piace!”.

Una squadra composta da grandi campioni ma che al momento è quarta: come si spiega? Cosa è mancato in questo girone di ritorno?“La serie B è complicata e difficile da spiegare. Non bastano i giocatori forti ma è necessaria la continuità che nell’ultimo periodo a noi è venuta meno. Ma siamo ancora in tempo per ritrovarla proprio nel momento più importante della stagione”.