Non è eccessivo parlare di maledizione interna: 0 vittorie in casa nel 2021, un numero inaccettabile per chi è partito con la voglia di conquistare la promozione diretta. Questa sera il Monza è chiamato, allora, a ritrovare la vittoria che in casa ormai manca da troppo tempo. 

Il 2-2 col Frosinone ha evidenziato la forza di questa squadra, ma anche la difficoltà di un campionato che non fa sconti a nessuno. Serve maggiore concentrazione nei periodi difficili, ma soprattutto la voglia di rimanere nelle posizioni di testa. I biancorossi non vincono dal 30 dicembre in casa, mentre l’ultimo successo risale alla trasferta di Verona contro il Chievo: al momento nessuno ha ancora tentato la fuga, ma tornare al successo sarà importante per diversi motivi, come ha confermato Brocchi in conferenza stampa: "Mi aspetto dai ragazzi una prestazione propositiva e forte dal punto di vista caratteriale. Vincere in casa è importante per il morale, per la classifica e per dare risalto al lavoro che stiamo facendo".

Attenzione, però, al Pordenone di Tesser, reduce da quattro partite senza vittorie, ma sempre pericoloso. Troppi punti lasciati per strada in un torneo in cui nessuno ha intenzione di fermarsi: col Frosinone impegnato a Cosenza i neroverdi dovranno cercare di strappare punti importanti per poter sfruttare anche l’andamento esterno. Lontano dalle mura amiche il Pordenone ha collezionato ben 19 punti (quinto miglior rendimento del campionato). I neroverdi sanno che devono ripartire proprio dal match di questo pomeriggio per poter dare una svolta significativa al proprio campionato e risolvere il problema del gol.

Capitolo formazioni: tra i convocati tornano Boateng e Balotelli, assenti nell’ultima sfida. Brocchi dovrà fare a meno di Diaw (squalificato) e Barberis (out per via di una una tendinite inserzionale acuta agli adduttori). Si va verso la riconferma del 4-3-3 con il numero 45 pronto per partire dal primo minuto. Tesser, invece, ritrova Barison. E’ da valutare invece Musiolik, convocato, che ha saltato l’infrasettimanale col Chievo. Non ci sono molte alternative di formazione per il tecnico friulano.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 06 marzo 2021 alle 08:19
Autore: Stefano Pontoni
Vedi letture
Print