Ibra a fine stagione dirà addio al Milan. Ancora un mistero quale sarà il futuro dello svedese. L'atteggiamento di Zlatan nei confronti dei rossoneri, però, non è piaciuto a molti, in primis a Mario Sconcerti, storica firma del calcio italiano: "E' troppo pieno di sé e più l'età avanza, più ha bisogno lui di allargarsi a copertura di uno spazio inversamente proposzionale. C'è molto in lui del vecchio Milan, quello che è ancora stabilmente settimo proprio perché ha bisogno di vivere nel passato fino in fondo. Ibra è uno straordinario giocatore di ieri, che non è poco, ma non è più abbastanza grande per turbare la ricerca di un nuovo equilibrio (...). Chi non conosce Rangnick basta s'informi".

Sezione: News / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 19:08
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print