Con l'arrivo Giovanni Stroppa sulla panchina biancorossa si è vociferato nelle ultime ore anche di un interessamento del Monza per Nwankwo Simy. Trattativa concreto quella con il club biancorosso o solo rumor di mercato? L'abbiamo chiesto direttamente all'agente dell'attaccante, Vincenzo Morabito: "Le voci che sono uscite in questi ultimi giorni sono legate ovviamente al nuovo allenatore del Monza, con il quale ha lavorato al Crotone. Ad un certo punto questo punto, però, Stroppa gli aveva preferito Di Carmine. Quattro partite non le ha giocate e credo la sua assenza sia costata al tecnico qualche punticino. Quando Simy è tornato in campo è stato subito determinante, segnando tanti gol. Non c'è nulla, quindi, con i brianzoli. 

Simy ha un mercato molto interessante in Inghilterra, in Premier ci sono almeno un paio di club interessati. La sua preferenza è per l'estero, eventualmente prenderemo in considerazione offerte provenienti dal club di Serie A di fascia medio-alta della. Stiamo quindi lavorando principalmente sul mercato inglese, dove i club sono economicamente più solidi e possono offrire cifre importanti sia al Crotone che al giocatore. Se lo merita un campionato del genere. 

In questi anni ha avuto una crescita costante. A Crotone ha sempre fatto molto bene, segnando tantissimi gol sia in B che in A e superando quelle che erano le aspettative. Come giocatore ritengo purtroppo che sia stato spesso sottovalutato. Bravo il Crotone e Raffaele Vrenna ad averci creduto veramente. Sono stati gli unici a puntare su di lui, a scommettere sulle sue qualità. In Calabria è stato e sta ancora benissimo, ha ancora un anno di contratto e se fosse per lui resterebbe anche in B pur di aiutare il club. E' un ragazzo molto umile e professionale. Ci sono però degli interessi importanti, una possibilità per lui e per il Crotone stesso. Vediamo cosa succederà nelle prossime settimane. Al momento, ripeto, la pista più concreta è quella che porta alla Premier League".

Sezione: Esclusive / Data: Sab 29 maggio 2021 alle 14:06
Autore: Stefano Pontoni
Vedi letture
Print