Miglior marcatore dello scorso campionato polacco con 24 reti al Lech Poznan, tutte da classico numero nove opportunista pronto a fiondarsi sulle mezze palle per depositarle in fondo al sacco: è la fotografia del centravanti danese Christian Gytkjaer, determinato ad accendersi per trascinare il Monza in cima alla classifica: "Ho la sensazione d'essere in miglioramento sotto tutti i punti di vista, compreso quello fisico" dichiara ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. C'è voluto il periodo d'ambientamento in una realtà nuova per capirne al meglio dinamiche e meccanismi: "In Polonia e Norvegia il gioco è più fisico e meno tattico." Non è da tralasciare l''atteggiamento che mister Brocchi richiede agli attaccanti, come evidenzia Gytkjaer: "Il finalizzatore viene coinvolto nella manovra della squadra. Insomma, tante novità per me, sto prendendo confidenza con la nuova realtà e sento d'aver imboccato la strada giusta. Mi trovo molto bene qui in Italia, mi piace il cibo, la cultura, il modo di vivere e anche il clima. Monza è una città a misura d'uomo e da poco ho trovato casa a Milano. Berlusconi e Galliani? Tutti i danesi li conoscono, sono leggendari per le loro vittorie ottenute col grande Milan. Sono onorato mi abbiano scelto per il loro attacco." Il filo diretto per raggiungere la scelta di sposare il progetto brianzolo ha coinvolto il difensore centrale del Milan Simon Kjaer: "Ho parlato con lui ed è stato prezioso a descrivermi il calcio italiano. In questi mesi ci siamo visti a Milano con lui ed Eriksen". Credere di poter raggiungere l'obiettivo prefissato è un pensiero giornaliero ben insito nella personalità di Gytkjaer sin dal momento della firma sul contratto: "Voglio contribuire a portare il Monza in A per la prima volta nella sua storia. È il sogno di tutti e ci sono i presupposti per realizzarlo, avendo una grande società, lo staff tecnico è di primo livello e i giocatori sono forti". Parentesi poi sul lavoro della sua fidanzata Tonje Dyb: "Lei fa un lavoro pazzesco, essendo il capitano di un grande peschereccio. Sa come si governa una nave e sa come farsi rispettare dal suo equipaggio composto da 25 marinai. Le piace tanto e sono contento che abbia la fortuna di fare un'attività che la appassioni e la gratifichi". 

Sezione: Primo Piano / Data: Ven 20 novembre 2020 alle 10:00
Autore: Niccolò Anfosso / Twitter: @Nicanfo2000
Vedi letture
Print