La tifoseria del Cosenza è pronta a stringersi attorno alla squadra in queste ultime due gare di campionato per difendere una Serie B conquistata tre anni fa dopo decenni nelle serie minori. Per questo con un comunicato, dove non mancano le critiche al presidente Guarascio e alla società, la Curva Nord ha chiesto a tutti i tifosi di radunarsi fuori dal Marulla in occasione della gara interna contro il Monza per caricare la squadra in vista del finale di stagione. Questo il comunicato:

“Siamo arrivati agli ultimi 180 minuti di una stagione calcistica deludente, non solo per l’assenza dagli spalti dovuta alla pandemia, ma soprattutto per la pessima gestione societaria, fatta di approssimazione, incapacità e campagna acquisti mediocre che ha determinato l’attuale posizione in classifica. Corriamo il serio rischio di perdere la Serie B raggiunta tre anni fa dopo oltre un decennio trascorso tra serie D e Legapro.

Come tifoseria tutta siamo mortificati e disgustati da questi atteggiamenti e ci auguriamo che il prossimo anno, in qualsiasi categoria saremo non avremo più questo presidente, ma pensiamo che la Serie B vada difesa fino all’ultimo respiro da parte di tutta la tifoseria.

“Il Cosenza siamo noi” non è solo uno slogan, ma è l’attaccamento e il senso di appartenenza che abbiamo nei confronti della nostra maglia, dei nostri colori, della nostra città, e per questo invitiamo tutta la tifoseria rossoblù a portare sciarpe e bandiere e spingere i lupi prima della partita fondamentale con il Monza per dare la giusta carica ai giocatori affinché affrontino le prossime due partite con il sangue agli occhi e la rabbia in corpo Solo chi soffre impara ad amare, noi che soffriamo ti amiamo ed insieme torneremo grandi".

Sezione: L'Avversario / Data: Mer 05 maggio 2021 alle 22:00
Autore: Stefano Pontoni
Vedi letture
Print