Anche Antonino Barillà si è concesso oggi a un'intervista a QS, raccontando il suo nuovo percorso al Monza: "Sono molto contento: ho fatto qualche gol, gioco con continuità... Ma è un bel momento per tutta la squadra, vogliamo continuare così consapevoli che possiamo ancora migliorare. La sconfitta col Pisa è già dimenticata, ora tutti i punti pesano, il campionato è ancora lungo. Berlusconi? Ci ha fatto un grande effetto. Io personalmente non l'avevo ancora conosciuto: è una bella persona che dà carica a ogni parola. La chiacchierata prima di Verona ci ha fatto bene, ci ha dato entusiasmo, ci ha fatto sentire parte integrante e importante del progetto e ci ha dato qualcosa in più".

Sulla chiamata di Berlusconi e Galliani: "Nel calcio Galliani e Berlusconi hanno vinto tutto, li ho sempre visti in tv, impossibile dire no a loro. È bastata una chiacchierata per accettare perché per me è una grande possibilità. Non è neanche stata una trattativa, la loro chiamata non capita tutti i giorni. 
Brocchi? Preparato, gli piace lavorare in settimana, ha idee di gioco che sono entrate nella testa di tutti e che cerchiamo di sfruttare nel migliore dei modi. Siamo il Monza, vogliamo dominare e la fame non ci deve mai mancare. Non sottovalutiamo nessuno, affrontiamo tutte le partite con atteggiamento positivo sapendo di dover correre e rincorrere. Senza mai mollare".

"Siamo un bel gruppo. Tutti i giovani in rosa sono bravi, volenterosi di migliorarsi giorno dopo giorno, dando energia e spingendo anche noi anziani a dare sempre il buon esempio. Balotelli non è quello che si descrive fuori: è un ragazzo d'oro, disponibile e sorridente. Si è inserito con umiltà per dimostrare che è pronto a rilanciarsi. Tutti sappiamo che può fare la differenza anche nelle prime squadre della Serie A e io mi aspetto il suo ritorno. Anche in nazionale.

Io in A col Monza? Qui c'è tutto per arrivarci, spero di centrare l'obiettivo, vorrei restare ma di questo parleremo poi".

Sezione: Focus / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 10:10
Autore: Domenico Fabbricini / Twitter: @Dfabbricini
Vedi letture
Print