Chievo Verona-Monza, è big match d'alta classifica tra due squadre che hanno entrambe il chiaro obiettivo di raggiungere la Serie A. Serve uno scatto agli uomini di Beocchi per poter rimanere nella scia dell'Empoli. I brianzoli arrivano dal ko interno contro il Pisa che ha portato qualche critica di troppo, i clivensi sono reduci dalla sconfitta di misura in casa del Brescia. Vincere è la miglior medicina per ritrovare l’andamento giusto in chiave playoff. Senza dimenticare la promozione diretta. 

Lo stop contro un Brescia convalescente ha ridimensionato la compagine gialloblù anche se in testa alla classifica tutto è ancora in bilico. Non sarà una gara semplice, come confermato da mister Aglietti in conferenza stampa: “Quella di domani sarà una partita che testimonia l’ottimo lavoro fatto in questi mesi e la crescita dei ragazzi. Essere a pari punti con il Monza è qualcosa di meritato sul campo, non ci hanno regalato nulla, e dobbiamo scendere in campo con la convinzione di giocarcela alla pari nonostante una rosa con un livello differente”. Diversi dubbi per il tecnico di casa: in attacco Margiotta e Fabbro si giocano un posto da titolare, la decisione defintiva verrà presa soltanto nelle ultime ore. Tornano anche Ciciretti e Gigliotti, vista l'importanza della sfida ci saranno pochi cambi rispetto l'ultima gara di campionato. 

Il successo di Vicenza aveva cancellato un periodo di appannamento, ma la sconfitta interna col Pisa ha evidenziato il momento altalenante della squadra di Brocchi. Nell’allenamento di ieri Silvio Berlusconi ha fatto visita alla squadra sul campo di Monzello per poter caricare i biancorossi in un momento delicato. Brocchi ha rilanciato l'importanza del match in conferenza stampa: “La partita d’andata ha lasciato un po’ di amaro in bocca, dato che vincevamo 1-0 e abbiamo avuto la possibilità di raddoppiare per poi restare in dieci. Ora siamo cambiati ma questo riguarda anche il Chievo, visto che ora ha acquisito consapevolezza, è una squadra molto forte con calciatori che hanno fatto la Serie A e tanta Serie B. Sono temibili e allenati da un bravissimo allenatore, ci aspetterà una partita tosta, dove dovremo essere al top". Assente Boateng per un’elongazione, non ci sarà nemmeno Paletta. Presente Mario Balotelli, il numero 45 potrebbe partire dal primo minuto.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 20 febbraio 2021 alle 11:06
Autore: Stefano Pontoni
Vedi letture
Print