L’azionista italo-svizzero del Lecce, René De Picciotto, ha parlato dei progetti futuri in casa giallorossi: "Se andiamo in Serie A avremo dei soldi che entreranno l’anno prossimo. Questa società ha dei debiti, quindi dovrebbe sanarli senza poi avere spazio per un programma così ambizioso. Dobbiamo assolutamente basarci sui giovani e sui conti bassi. Mi dispiace dirlo ma è così. E’ già un miracolo avere 20mila abbonati in una città da 100mila persone, quinta o sesta nel paese e questo è un miracolo. Inoltre intorno al tavolo non abbiamo società grosse o grandi investitori, la gente che è entrata non potrà mai finanziare una cosa in Serie A. Lo abbiamo già visto che in A non si può fare un programma troppo ambizioso, ed infatti lo abbiamo pagato dopo la retrocessione. Se non entra qualcuno con la spalla molto più grossa di noi il programma sarà limitato e relativamente ambizioso. Chi dice il contrario non ragiona con me, io non posso cambiare con gli altri ma io non cambio”

Sezione: L'Avversario / Data: Gio 21 aprile 2022 alle 20:21
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print