Entra furioso in conferenza stampa il presidente del Chievo Campedelli che va subito dritto al punto: "Devo dire che con oggi abbiamo raggiunto l’apice di un campionato volto a danneggiare il Chievo in maniera pesante. Ormai credo che sia la quarta o quinta partita se non di più dove gli arbitri incidono in maniera pesante. Non sono abituato a lamentarmi perché non fa parte del mio essere e parto sempre dal presupposto che possono sbagliare ma degli errori gravi come sono stati fatti oggi, sono inaccettabili e intollerabili. Qua non mi si venga a parlare di VAR o non VAR. Qua ci sono dei guardalinee che non sono in grado di fare il loro lavoro e c’è un arbitro che non è in grado di far proprio lavoro. Ha arbitrato, a mio modesto modo di vedere, a senso unico e come tale questo va fermato. Va fermata tutta la terna, è qualcosa di inaccettabile. Su Garritano c’è stata un’entrata da codice penale, come si dice in questi casi. Questo ci ha danneggiato anche perché adesso ha una bella distorsione e non so per quanto ne avrà. In quella situazione l’arbitro ha fatto continuare l’azione in maniera veramente per me inspiegabile. A questo punto inizio a pensare che il Chievo sia meglio se sparisca, perché se questo è quello che vogliono i vertici federali è quello che faremo. Non è possibile che ci sia questo accanimento nei confronti dei Chievo, ormai sono 3/4 anni che andiamo avanti con questo accanimento e sinceramente ora basta. Sono veramente stanco e qui parlo da tifoso. Questa è stata una lunga partita incommentabile, una direzione di gara per me non all’altezza del gioco del calcio". Queste le dichiarazioni riportate da Trivenetogoal. 

Sezione: L'Avversario / Data: Sab 20 febbraio 2021 alle 18:57
Autore: Niccolò Anfosso / Twitter: @Nicanfo2000
Vedi letture
Print