Siamo entrati nel finale di stagione, il Monza è in lotta per un posto in Serie A. A parlare del momento dei biancorossi è stato l'ex patron Nicola Colombo, Queste le parole dell’ex numero uno biancorosso a Il Cittadino: "A questo punto c’è da lottare e soffrire. Bisogna dire che forse non ci si aspettava di avere degli avversari così agguerriti. In sede di pronostico, considerato l’organico complessivo, uno si poteva anche immaginare un cammino più agevole. Non penso ovviamente a un campionato dominato, con 20 punti di vantaggio sulle inseguitrici, ma a un Monza inserito stabilmente nelle primissime posizioni. Invece si devono fare i conti con un gruppo di squadre molto agguerrite. In ogni caso ritengo che la promozione diretta sia ancora possibile. Il Lecce, titolare del secondo posto, dista sei punti, ma c’è ancora lo scontro diretto. Così come dobbiamo ancora affrontare la Salernitana. La conquista della seconda posizione è possibile.

Un commento poi anche sul suo passato alla guida del club: "Nei tre anni in cui sono stato presidente e proprietario del Monza mi sono divertito moltissimo. Non ho particolari rimpianti. Anche perché quando è arrivata la proposta della Fininvest, nemmeno per un secondo ho pensato di dire di no. Sapevo che non avrei potuto competere per disponibilità economica e competenza calcistica. Ho preso una società in difficoltà e l’ho rilanciata. Ho trascorso tre anni bellissimi e vivo di quei ricordi. Ho vissuto una bella esperienza e sono soddisfatto di quanto ho fatto. Poi il Gruppo Fininvest si è appunto interessato al Monza. A quel punto ho pensato che fosse giusto passare la palla a chi aveva una maggiore forza economica e una più vasta competenza nel mondo del calcio".

Sezione: Ex Biancorossi / Data: Gio 22 aprile 2021 alle 14:25
Autore: Stefano Pontoni
Vedi letture
Print