Tutto Monza
I migliori video scelti dal nostro canale

primo piano

Stroppa a Sky: “Non si spiega questa altalena di prestazioni, sofferto agonismo Pisa”

MONZA, ITALY - JULY 31: Giovanni Stroppa AC Monza Head coach looks on during the Trofeo Berlusconi match between AC Monza and Juventus FC at Stadio Brianteo on July 31, 2021 in Monza, Italy. (Photo by Jonathan Moscrop/Getty Images)

Le parole del tecnico al termine della sconfitta di Pisa

Redazione Tuttomonza

Al termine della sconfitta all'Arena Garibaldi contro il Pisa, è intervenuto mister Giovanni Stroppa ai microfoni di "Sky Sport", esprimendo tutta la delusione per un altro risultato che non soddisfa la piazza biancorossa, visto che adesso il Monza si trova fermo a quota sei, distante già ben nove punti dalla capolista Pisa, autrice d'uno strepitoso avvio di stagione: "Non si spiega questa altalena di prestazioni, domenica scorsa avevamo fatto un primo tempo straordinario, il secondo era stato meno all'altezza, questa sera invece al contrario. Non è un discorso di approccio: la squadra ha fatto un ottimo riscaldamento, ha la mente concentrata su quello che deve fare, abbiamo sofferto l'agonismo del Pisa e dovevamo mettere in campo le stesse armi per poter fare la partita seguendo le nostre qualità tecniche: e si è visto nel secondo tempo nonostante l'uomo in meno, perché a livello di atteggiamento non avevamo niente da perdere e la squadra ha preso in mano il gioco diventando padrona ed è arrivata tante volte davanti al portiere."

La preoccupazione c'è, ma nei limiti, così la pensa Stroppa: "Sono preoccupato il giusto ma anche fiducioso - spiega il tecnico -, la squadra per quello che ha fatto c'è, mancano i tre punti, e dobbiamo iniziare a farli, ma la B è lunga. Dobbiamo migliorare, bisogna avere la fiducia nella squadra e in quello che può fare".

Un giudizio finale che profuma d'amarezza: "È un peccato aver iniziato la partita 45', qualcosa di buono nel primo tempo l'abbiamo fatto, ma troppo poco per la squadra che siamo, sia a livello caratteriale sia agonistico, non siamo entrati con l'approccio giusto, qualcuno troppo timoroso in qualche giocata, concedendo qualche ripartenza. Potevamo giocare di più, cosa che è successa stranamente con l'uomo in meno e meritavamo il pari perché la squadra si è presentata diverse volte davanti al portiere".

tutte le notizie di