focus

I giorni del condor: linee telefoniche bollenti e piste scartate: arriva Diaw!

Guarda un po' chi si rivede. Perché ci sono appuntamenti con la storia che il destino sa riordinare con precisione temporale. Proprio quando il mercato in entrata sembra finito e l'unico pensiero dell'ambiente è...

Niccolò Anfosso

Guarda un po' chi si rivede. Perché ci sono appuntamenti con la storia che il destino sa riordinare con precisione temporale. Proprio quando il mercato in entrata sembra finito e l'unico pensiero dell'ambiente è focalizzato sul big match di domenica contro la Spal, ecco che si comincia ad avvertire nelle stanze di Monzello il clima tipico dei giorni del condor: concentrazione massima, parole nascoste e linee telefoniche con pulsioni elettrochimiche bollenti. Non s'è mai lasciato distrarre da ciò che lo circonda Galliani, deciso a rimanere avvolto nei pensieri strategici per completare al meglio il reparto offensivo permettendo a Brocchi di cambiare passo per sterzare al giro di boa e partire subito con la quinta innestata. Nelle carte impigliate nei cassetti delle scrivanie c'erano diversi nomi su cui la dirigenza biancorossa aveva puntato il mirino da tempo. L'orizzonte s'è spalancato lunedì, quando Galliani ha iniziato a scartabellare i database delle certezze per tastare il terreno da percorrere: i contatti con Eder e il suo entourage sono stati proficui, ma il giocatore preferiva la massima serie e s'è deciso di passare oltre. Il sentiero a tappe è stato studiato nei minimi particolari, così è entrato in pista anche il bomber del Venezia Francesco Forte, oggetto d'interesse analitico senza la concreta formulazione dell'offerta. Nel gioco del rilancio è emerso infine Davide Diaw, capocannoniere del Pordenone autore di dieci reti in stagione, a metà tra Torino e Spal nella giornata di mercoledì. I granata hanno mollato la presa dopo l’acquisto di Sanabria dal Betis Siviglia, mentre oggi Diaw e il suo procuratore erano attesi a Ferrara per il colloquio conclusivo e il completamento dei dettagli per la definizione dell’operazione. S'è inserito con prepotenza il terzo incomodo Galliani, che nella mattinata di oggi ha alzato a 3,5 milioni (gli estensi ne offrivano 3), bonus compresi, l’offerta al Pordenone e con due telefonate dopo le 13 ha messo d’accordo tutti pennellando con precisione l'ultima curva. In un pomeriggio d’inverno, gelido e splendente, risistemando i cocci strutturali di una squadra che vuole regalarsi il miglior orizzonte.