editoriale

Considerazioni sul “non derby” Pro Sesto-Monza

Considerazioni sul  “non derby” Pro Sesto-Monza

La cancellazione dell'amichevole tra il Monza e la Pro Sesto (originariamente in programma stasera) ci consente una riflessione: le sfide tra i “bagai della Brianza” e i sestesi consistono effettivamente in una sorta di derby?...

Giuseppe Livraghi

La cancellazione dell'amichevole tra il Monza e la Pro Sesto (originariamente in programma stasera) ci consente una riflessione: le sfide tra i “bagai della Brianza” e i sestesi consistono effettivamente in una sorta di derby?

Sì e no.

Se si ragiona in ambito regionale, Pro Sesto-Monza è effettivamente un derby, ma uno dei tanti confronti tra squadre lombarde, come può essere, ad esempio, un Monza-Pavia.

Il punto è che i meno attenti hanno per decenni valutato Pro Sesto-Monza (per non parlare del più rinomato Milan-Monza, in programma il prossimo 5 settembre a San Siro) quale derby milanese, quasi una stracittadina.

Già ai tempi del “Turbo Monza” degli anni Settanta, infatti, le eventuali sfide in massima divisione tra i monzesi e la coppia Milan-Inter erano immaginate come un “triplice derby milanese”, mentre in realtà sarebbero consistite in derby tra compagini della Provincia di Milano: ora che Monza ha la sua Provincia (Provincia di Monza e della Brianza, sigla MB, istituita nel 2004 e operativa dal 2009), tali sfide sarebbero soltanto dei confronti tra compagini lombarde.

Infatti, benché vicinissima a Milano, Monza non è affatto la “periferia della metropoli”, ma una città con una sua storia gloriosa: come dimenticare, ad esempio, la Corona Ferrea, custodita nel Duomo della città brianzola?

Quindi, Monza mai fu, non è e mai sarà la “terza squadra di Milano”, ma fu, è e sempre sarà la prima squadra della Brianza, un territorio molto vicino al Milanese, ma con caratteristiche tutte sue.

Pro Sesto-Monza (così come Milan-Monza e Inter-Monza) è "solo" un derby regionale, poiché Monza non è Milano.